https://facileprogettare.it/richiesta-progetto-planimetria-casa/

Pavimenti interni, quali scegliere? Guida alla scelta della pavimentazione

Che si tratti di progettare una nuova casa o di rinnovarla, la scelta della pavimentazione è una delle più delicate: proprio come per il colore o i rivestimenti per le pareti, la superficie del pavimento stabilisce il tema principale sul quale progettare la decorazione degli interni. E non è solamente una questione estetica: la scelta della pavimentazione ha un impatto anche pratico sull’utilizzo di ogni stanza, deve donare un tocco di stile ma anche abbinarsi ad ogni tipo di arredamento. Per questo motivo è fondamentale sapere quali pavimenti interni scegliere: ecco un’utile guida per rendervi più facile la vita.

Vedere in anteprima i pavimenti interni della vostra casa oggi è possibile con Facile Progettare. Grazie all’innovativo servizio di realtà virtuale che vi consentirà di scegliere più facilmente le soluzioni di arredo per la vostra casa ed ad un team di architetti e interior designer pronti ad realizzare le vostre esigenze e preferenze di stile accompagnandovi lungo tutto il percorso di progettazione, la casa dei vostri desideri è un sogno pronto a realizzarsi!

 Come scegliere la pavimentazione giusta

Nella scelta della pavimentazione interna vanno presi in considerazione diversi fattori. Prima di tutto, la scelta dipende dalla stanza in cui il pavimento andrà montato: non è detto che il pavimento perfetto per il soggiorno o la camera da letto (come ad esempio un caldo parquet) funzionerà necessariamente anche in cucina, in bagno o negli esterni, dove è meglio privilegiare materiali resistenti, impermeabili e antigraffio. Per questo, la collocazione e la funzione della stanza in cui posare il pavimento sono il primo elemento da tenere in mente.

La scelta del pavimento dovrà tenere conto anche della grandezza, dell’ampiezza e della luminosità dell’ambiente in cui sarà posato. Pavimenti di tonalità scure, naturalmente, si adattano meglio ad ambienti ampi e luminosi, mentre per quelli piccoli e poco illuminati è preferibile la scelta di una pavimentazione chiara.

Un altro fattore da prendere in considerazione, poi, è lo stile di vita e le abitudini di chi la abita: scegliete il pavimento giusto per voi assecondando le vostre abitudini, i modi di vivere e le esigenze che avete in casa. Scegliete un pavimento pratico da pulire (come il gres porcellanato) se non avete molto tempo da dedicare alla casa, uno acusticamente isolante per evitare rumori o evitate la moquette se siete soggetti allergici.

Infine, nella scelta dei pavimenti interni tenete anche in conto dello stile che avete in mente per la casa – in base al tipo di arredo e ai colori predominanti – e il budget a disposizione per la posa e la manutenzione dei vostri rivestimenti.

Tipi di pavimentazione per gli interni

Dopo aver introdotto quali sono i fattori da tenere in considerazione per scegliere i pavimenti interni, ecco una rassegna delle tipologie più comuni in commercio:

  • Pavimenti in pietra – Estremamente resistente, questo tipo di rivestimenti (come l’ardesia) è una delle soluzioni più utilizzate per gli interni e si adatta perfettamente sia alle case tradizionali che a quelle contemporanee.
  • Pavimenti in cotto, ceramica o porcellana (gres) – Una delle opzioni più affidabili per le pavimentazioni perché realizzati in materiali resistenti, disponibili in molti stili (classico, rustico o moderno), finiture e colori, facili da mantenere e da cambiare e più economici rispetto ad altre soluzioni.
  • Pavimenti in legno (parquet) – La pavimentazione in legno (come il classico parquet in massello) è una soluzione molto affascinante, che offre grande comfort, ma al tempo stesso è una superficie delicata che richiede cure, attenzioni e una costante manutenzione ed è tra le più costose in commercio.
  • Laminato, sughero e bambù – Un alternativa più economica alle pavimentazioni in legno, costituita da materiali rinnovabili (e dunque ecologici), molto più resistenti ed economici del parquet tradizionale, ma che possono offrire lo stesso comfort e le stesse piacevoli sensazioni estetiche.
  • Linoleum, vinile e gomma – Grazie all’evoluzione di questi materiali, oggi sono una soluzione economica, durevole e resistente per la pavimentazione. In particolare, i punti di forza di questi materiali sono la resistenza all’acqua, la facilità di pulizia e manutenzione, la capacità di imitare praticamente ogni texture, il comfort d’utilizzo (superficie calda e morbida) e il basso impatto ambientale (sono riciclabili al 100%). Un’alternativa più pregevole è la gomma naturale: isola, assorbe il rumore ed è altamente resistente all’acqua.
  • Moquette – Un’opzione molto comune nei paesi nordici per il rivestimento delle stanze da letto (dove è molto apprezzato perché caldo, confortevole e silenzioso), ma molto meno diffusa da noi. Economico, ma non molto pratico da pulire, negli ultimi anni si è evoluto molto grazie all’utilizzo di fibre sintetiche (iuta, sisal, alga, fibra di cocco) e lana che rendono questi pavimenti sostenibili, anallergici e resistenti.
  • Calcestruzzo e resina – Il calcestruzzo è il materiale perfetto per chi cerca un design moderno e in linea con l’atmosfera tipicamente industrial dei loft. Uno dei maggiori vantaggi di questo tipo di superfici sono resistenza (può durare per decenni senza necessità di manutenzione) e impermeabilità, facilità di pulizia e capacità di creare effetti estetici particolari, di gran moda negli ambienti più moderni.

Scegliere i pavimenti interni non sarà più un problema grazie a Facile Progettare! Scoprite come funziona il nostro servizio e date forma alle vostre idee di arredo.

Condividi l'articolo sui social.